1. Giornale UGI
  2. La terapia? Oggi la facciamo con l’arte!

Scarica il giornale UGI

La terapia? Oggi la facciamo con l’arte

La terapia? Oggi la facciamo con l’arte!

“Sono un’arteterapeuta in formazione e a febbraio finirà il mio tirocinio, ma sono quasi sicura che la collaborazione con Ugi non terminerà; sento che è un posto che ha bisogno e sento di averne bisogno anch’io”.
Lei è Maria Mancusi, giovane arteterapeuta che ha avuto il piacere di conoscere UGI e il “Progetto Adolescenti”, nato con lo scopo di proporre ai ragazzi della struttura, attività che spaziano in tutti i campi della conoscenza della formazione e della (ri)creatività.
Ed è con lo stesso piacere che ci racconta la sua esperienza.
“Mi sono presentata a Casa Ugi quest’estate con una collega della formazione, entrambe iscritte ad Art Therapy Italiana, entrambe interessate ad attivare un tirocinio con i bambini presso la struttura. Quella mattina siamo state accolte da Domenico De Biasio - coordinatore del “Progetto Adolescenti” - che si è da subito mostrato interessato e disponibile facendoci sentire a nostro agio, mostrandoci la struttura e la “sala dei giochi” che sarebbe diventata la stanza in cui avrei condotto il laboratorio espressivo. Sapevo qualcosa di quella stanza dai racconti della mia supervisore che aveva, a sua volta, tenuto dei laboratori, ma vederla dal vivo era diverso. Era grande e aveva molti materiali e attrezzature, ma quello che più mi ha colpito è stato il sole che quel giorno illuminava la sala, e poi le grandi vetrate con vista sul Po’. Quel clima, quell’atmosfera mi hanno fatto venire voglia di inizare subito. La mia collega da lì a poco avrebbe terminato la sua formazione, e io mi sarei ritrovata a condurre l’attività da sola. Il mio laboratorio espressivo si fonda sul principio dell’arteterapia.
Questa si propone come terapia relazionale che pone l’attenzione al processo creativo e all’espressione attraverso i materiali artistici; è un intervento di sostegno a mediazione non verbale. L’arteterapia si basa sul presupposto che il “fare arte” produca benessere. Il suo obbiettivo non è la creazione di un’ opera bella, ma indirizza la sua attenzione al processo creativo, lasciando libertà di espressione ai partecipanti. In questa attività si è liberi di sperimentare, di uscire dai bordi, di fare solo macchie e non forme, di manipolare i materiali senza dover necessariamente costruire qualcosa, di sporcarsi e sporcare o semplicemente guardare senza far nulla. A settembre, periodo d’inizio del laboratorio, portai pietre, foglie, rami, ghiande e sabbia, e fu molto interessante vedere come il contatto con ciò che esposi sul tavolo rievocò dei ricordi ad alcuni dei bambini, riportandoli alle loro origini o a ciò che avrebbero voluto fare. Il laboratorio espressivo offre uno spazio creativo aperto, per cui, capita spesso che partecipino mamme, volontari o tirocinanti.
Ogni volta sul tavolo vengono esposti materiali presenti fin dall’inizio dei nostri incontri oltre a materiali nuovi; sono proprio quest’ultimi che stabiliscono una continuità del percorso laboratoriale. Ogni volta però viene inserito uno stimolo diverso ed ognuno è libero di coglierlo o meno. Tutto ciò, sempre in quella piacevole atmosfera che si crea in quelle ore, durante le quali ognuno è libero di aspettare la fine del tempo o andare via prima, arrivare dopo o rimanere lì per tutto il tempo”.

Copyright 2019 Ugi Torino C.F. 03689330011

Abc Interactive