1. Giornale UGI
  2. Le attività di settembre - ottobre 2018

Scarica il giornale UGI

attività settembre - ottobre 2018

Le attività di settembre - ottobre 2018


VOGLIO STARE A CASA …VIENI TU
Ne abbiamo tanto parlato, abbiamo fatto ipotesi logistiche e di spesa, pensato quante persone e soprattutto quali figure coinvolgere in questo nuovo progetto UGI. Ciò che riteniamo essenziale è che il paziente oncologico e la sua famiglia possa sentirsi il meno possibile lontano dalla sua vita di sempre e patisca il meno possibile i traumi che le cure e le terapie possono provocare. L’accesso in ospedale non è mai un evento trascurabile e finché può essere limitato è bene che il giovane paziente ne approfitti. Da questa riflessione nasce il progetto “Voglio stare a casa …vieni tu” fatto in stretta collaborazione con il servizio di oncoematologia del Regina Margherita. Si tratta soprattutto di umanizzazione delle cure come anche di continuità assistenziale tra l’ospedale e il territorio e in quest’ottica l’assistenza domiciliare infermieristica rappresenta una delle risorse in grado di garantire la riduzione di parte del tempo trascorso in ospedale per esami, prelievi e medicazioni. Poter effettuare i prelievi ematici e le medicazioni a domicilio significa diminuire gli accessi in ospedale, ridurre il tempo di attesa e conseguente riduzione dei disagi da affrontare dalla famiglia. Inoltre le finalità di tale progetto sono di ridurre il disagio psicologico dei giovani pazienti, garantire un insieme di prestazioni mediche, infermieristiche e riabilitative e agevolare e velocizzare gli accessi agli ambulatori in ospedale.

SQUADRA 100%
Una squadra al 100%. Ed è effettivamente così! Sono i ragazzi in off-therapy, quindi guariti, che si stanno organizzando per formare una magnifica squadra di calcio. L’iniziativa è nata due anni fa su un progetto di Fiagop, tante squadre di calcio in Italia formate da ragazzi e ragazze offtherapy che hanno voglia di giocare e di confrontarsi tra di loro. Il supporto è niente meno che del Torino F.C. che offre a questi giovani calciatori il campo, le borse e l’allenatore! Si ritrovano una volta al mese e si allenano in attesa del campionato che si svolgerà in primavera come l’anno passato. Questa è una delle grandi iniziative che vengono ideate per aiutare i ragazzi guariti a tornare alla quotidianità e li aiutano a riprendere contatto con lo sport.

“YOGA DELLA RISATA” ALIAS JOY THERAPY
Di seguito la testimonianza di Maria Chiara Marini, volontaria UGI. “Ricordo con emozione e gratitudine il primo incontro conoscitivo di “Yoga della Risata”, oggi meglio definito “Joy Therapy”, perché proprio di una terapia volta alla gioia si tratta.Ci ha accolti Francesca Michelon, emotional trainer e maestra elementare presso il reparto di Oncoematologia pediatrica dell’O.I.R.M. La maestra Francesca ci ha condotto in un viaggio fantastico all’interno di noi stessi e ci ha insegnato che la risata incondizionata, applicata quotidianamente, soprattutto quando non c’è nulla da ridere, risveglia l’ottimismo, l’entusiasmo infantile, promuove la capacità di rapportarsi con gli altri, di aiutarsi, stimola le nostre difese immunitarie. Abbiamo imparato insieme esercizi di “pranayama”, ovvero l’arte antica del respiro, associandoli alle virtù benefiche che si propagano a livello fisiologico mentre ridiamo. La partecipazione agli incontri mi ha dato uno stimolo ad apprezzare ed interpretare con maggior solarità le esperienze della mia vita quotidiana, influenzando positivamente la mia carica emotiva e di conseguenza le mie azioni, i pensieri, il rapporto con le persone con cui interagisco ogni giorno. Fra noi volontari, durante gli incontri con Francesca si è creata un’intimità ed un rapporto spontaneo di reciproco aiuto e comprensione che durerà nel tempo. Lo scopo della mia breve testimonianza è quello di invitare i volontari a vedere personalmente, a vivere in una prossima occasione quel che succede in quella “scuola” fatta di risate, sorrisi, pianti, insegnamenti essenziali, donati con professionalità e cuore.”

“FREESTYLE HOSPITAL” - L’EVENTO
Di matti ne è pieno il mondo! Ma di matti generosi e con il cuore grande ce ne sono pochi. L’UGI ha la fortuna di conoscerne uno: si chiama Vanni Oddera, è giovane e pieno di energia ed è un acrobata in moto. Ci ha conosciuti tempo fa ed è già venuto in reparto per portare in moto i pazienti dei reparti. Si è affezionato a noi ed ha proposto uno spettacolo del tutto particolare e pieno di brividi. In moto fuori e dentro l’ospedale infantile, per la felicità dei piccoli ricoverati. Lo spettacolo Freestyle Hospital, in collaborazione con UGI e la Fondazione Allianz Umana Mente. Vanni Oddera, con il suo team, si è esibito in un’area allestita all’ingresso di via Zuretti 21, vicino al Pronto soccorso, davanti ai pazienti, ai loro familiari e al personale. Erano presenti allo spettacolo Franca Fagioli, direttore del reparto di Oncologia Pediatrica, Enrico Pira, presidente di UGI, Vinicio Santucci, direttore sanitario del Regina Margherita. È stata allestita anche una zona con minimoto per i giovanissimi ricoverati. Dopo alcune evoluzioni da brivido lo show è proseguito all’interno dell’ospedale con moto elettriche lungo percorsi allestiti in vari reparti: quali Oncologia degenza e day hospital, Pediatria universitaria, Cardiologia e Cardiochirurgia, Chirurgia di media e bassa intensità.

Copyright 2018 Ugi Torino C.F. 03689330011

Abc Interactive