1. Giornale UGI
  2. L’impegno sociale ed etico di SKF

Scarica il giornale UGI

impegno sociale ed etico di SKF

L’impegno sociale ed etico di SKF


L’azienda SKF sostiene da tempo Casa UGI e per meglio comprendere questa realtà abbiamo incontrato Giovanna Ardoino (People Care Coordinator) insieme a Enrica Lanteri (HR Compensation & Benefit Manager) sua diretta responsabile, dipendenti di SKF.
In che modo l’azienda SKF intende il ruolo della responsabilità sociale d’impresa?
“Responsabilità sociale di impresa significa essere pienamente consapevoli del fatto che fare business in senso stretto ha degli impatti che vanno al di là della sfera economica. SKF Care è infatti il programma che l’azienda utilizza per determinare il modo di operare con sostenibilità, ossia il riconoscimento della propria responsabilità di generare profitto, senza però dimenticare al contempo la tutela dell’ambiente e la possibilità di adottare un comportamento socialmente responsabile nei confronti del Paese e del mondo intero. Ecco perché in azienda è stato istituzionalizzato il ruolo di un People Care Coordinator che si occupa di seguire tutte le tematiche che afferiscono sia al welfare aziendale, sia all’eventuale supporto di iniziative sociali e di erogazioni liberali sul territorio”.
Come la SKF ha conosciuto UGI e per quali motivi l’azienda ha deciso un impegno etico nei suoi confronti?
“La storia del rapporto con UGI comincia grazie a Francesco Palmese, un nostro ex-collega che nella sua vita ha dovuto affrontare la malattia oncologica, oggi risolta, di una delle sue tre figlie. Palmese era diventato intanto volontario UGI, e, forte dell’aiuto trovato da parte dell’associazione, ha iniziato a sensibilizzare tutti noi colleghi della SKF sull’impegno dell’UGI riguardo alle malattie oncoematologiche. L’azienda in qualche modo si è sentita coinvolta ed ha proposto inizialmente un piccolo sostegno economico a Casa UGI. Nel corso del tempo la partecipazione con la Casa si è modificata ed arricchita, grazie anche alla presenza sempre più motivata da parte di Francesco e della moglie Elisabetta. Spesso abbiamo con loro condiviso con entusiasmo iniziative di supporto che, come spesso ci siamo detti, scaldano il cuore”.
Quindi una partecipazione umana innanzitutto.
“Sì inizialmente, ma nel tempo è diventata davvero una scelta etica. Infatti teniamo a precisare che affiancare in parte la realtà UGI sul territorio locale, è una scelta che SKF fa proprio perché, in quanto azienda sostenibile, vuole essere attiva nel sociale; questo adottare un comportamento socialmente responsabile è il modo SKF di fare azienda, che, azzardo, deriva anche dal fatto di essere di matrice svedese, e come la Svezia, attenta ai valori di apertura e supporto nei confronti degli altri”.
La persona che coordina questo programma, quali modalità segue?
Giovanna Ardoino, nell’ambito del Programma SKF People e Community Care, si occupa dei contatti con le associazioni di volontariato e, insieme alla Direzione Risorse Umane, della valutazione dei progetti da supportare. L’adesione agli stessi è basata su un concetto di prossimità geografica alle sedi italiane di SKF e alla possibilità di contribuire a programmi di medio periodo (di solito di durata triennale) che garantiscano pertanto una certa continuità di collaborazione. Le modalità che si preferiscono sono le donazioni per iniziative specifiche, come quelle destinate agli alloggi UGI per le famiglie dei bambini in cura presso il Regina Margherita. Si cerca contemporaneamente di diffondere tra la popolazione aziendale, la conoscenza delle realtà che si supportano, per incoraggiare i dipendenti a scegliere a loro volta una maniera per dare a queste associazioni un contributo con qualsivoglia tipologia di partecipazione”.
Quali ricadute positive ci possono essere per SKF, da questa collaborazione con UGI?
“Possono essere molte. Può aumentare la consapevolezza, sia internamente sia esternamente, dell’impatto positivo che l’azienda ha sul territorio, non solo in termini di occupazione ma anche di vicinanza e aiuto alle persone in difficoltà, nell’ambito comunque di una cornice chiara e progettuale. Sicuramente l’immagine che ne scaturisce è quella di una ditta attenta alle necessità di chi la circonda”.
A voi le riflessioni con le quali salutare i nostri lettori.
“I valori in cui crediamo, come azienda e persone, sono una parte importante che ci caratterizza complessivamente. Uno di questi valori non può non essere, sempre di più, la capacità di condividere la responsabilità delle nostre azioni e delle loro conseguenze su noi stessi e sugli altri. La nostra collaborazione con casa UGI fa parte di questo sentito impegno. E quanto Casa UGI fa quotidianamente per le famiglie in difficoltà è una bellissima messa in pratica proprio di questo valore”.

Copyright 2018 Ugi Torino C.F. 03689330011

Abc Interactive