Cus Torino

Cus Torino


PerCorsi di integrazione sul Po.

La vita è un percorso. La vita è il Percorso. Nel corso della vita scopriamo il mondo, impariamo lezioni, sperimentiamo attività, incontriamo persone e conosciamo noi stessi. Ogni giorno è una scoperta, una sfida, un dono. Ogni giorno è possibile scoprire che c’è qualcuno pronto ad affrontare le sfide che la vita presenta, per regalare e regalarsi momenti piacevoli, da vivere e condividere lungo il percorso. Con i “PerCorsi di Integrazione sul Po”, l’UGI, le famiglie dei ragazzi, il Cus Torino ed il personale medico del reparto di Oncologia dell’Ospedale Regina Margherita, hanno dato vita ad un progetto di aggregazione e socializzazione finanziato dal bando “Vivo meglio 2018” della Fondazione CRT.
A descrivere l’iniziativa è Laura Moriondo del Cus Torino, l’Associazione Sportiva con una storica tradizione di diffusione dello sport, sia a livello promozionale che agonistico.
“Un’iniziativa nata nel 2003 in collaborazione con l’Università e il Politecnico di Torino, che ha dato vita al Progetto Disabili, diretto al coinvolgimento di persone diversamente abili o con esigenze particolari, nelle diverse sezioni sportive - introduce Moriondo, responsabile del progetto - Il Cus Torino nel corso degli anni ha speso molte energie per proporre un ventaglio sempre più ampio di attività sportive adatte a migliorare e rendere accessibili i propri impianti, oltre ad acquistare attrezzature idonee e materiali specifici e a coinvolgere istruttori qualificati”.
Dopo quasi dieci anni di collaborazione tra il Cus Torino e l’Unità Spinale Unipolare afferente al Dipartimento di Ortopedia, Traumatologia e Riabilitazione del CTO di Torino, è stato possibile toccare con mano quanto lo sport possa essere un importante veicolo per consolidare le abilità, per diminuire i tempi di recupero fisico, psichico e motivazionale dei pazienti ricoverati. Pertanto si è pensato di riproporre questo modello con i bambini che stanno affrontando la malattia oncologica e frequentano Casa UGI.
Da aprile tutti i protagonisti di questa iniziativa hanno così iniziato il loro percorso; queste le tappe affrontate e quelle da raggiungere nei prossimi mesi tra le attività all’interno di Casa UGI, in stile “Estate ragazzi” ed all’insegna dello sport e le uscite sul fiume Po; si sperimenteranno il basket, il volley, il tennis da tavolo, la simulazione a secco della canoa e del canottaggio.
Per i più piccoli sono stati studiati percorsi volti a prendere coscienza del corpo, riconoscendone le possibilità motorie, a prendere coscienza dell’ambiente, ad esplorare ed utilizzare piccoli e grandi attrezzi e ad acquisire padronanza della motricità globale. Nel corso dei prossimi mesi, si organizzeranno 6/8 uscite presso la sede nautica del CUS Torino (corso Sicilia 50) per poter vivere l’avventura sul Dragone: una canoa da venti posti in cui tutti saranno chiamati a pagaiare seduti su assi di legno con una pagaia monopala. Il coordinamento e la condivisione dell’azione e del gesto sportivo, senza il quale l’imbarcazione fatica a navigare, crea un legame speciale tra i canottieri, i quali, con l’aiuto degli istruttori dedicati, vivranno un’esperienza in totale sicurezza, ognuno con la propria energia e con la propria capacità.
“Un momento di condivisione ludicosportiva, un’occasione unica di coinvolgimento e partecipazione attiva tra bambini e genitori, un percorso appena iniziato che affronteremo con passione ed entusiasmo – conclude Laura Moriondo.

Copyright 2019 Ugi Torino C.F. 03689330011

Abc Interactive