1. Giornale UGI
  2. L’UGI HA FESTEGGIATO 40 ANNI DI STORIA, MA IL FUTURO COMINCIA ADESSO

Scarica il giornale UGI

UGI HA FESTEGGIATO 40 ANNI DI STORIA

L’UGI HA FESTEGGIATO 40 ANNI DI STORIA, MA IL FUTURO COMINCIA ADESSO


Visti così 40 anni non sembrano tanti. Si fanno figli a 40 anni, si entra in politica come novizi, ci sono giocatori di calcio che ogni domenica scendono in campo. Tutti senza sentire il peso dell’età. La vita è cambiata e l’aspettativa si è allungata. A 40 anni il futuro è appena cominciato. Negli anni Settanta si poteva andare in pensione con vent’anni di anzianità aziendale. Oggi il traguardo minimo accessibile è 67 anni. Ma per alcuni anche 70. Dunque, l’UGI che festeggia ora i 40 anni di attività non è che al primo passo della sua storia.
Questo compleanno non è da considerarsi pertanto una celebrazione, semmai un trampolino, uno stimolo a crescere per gli anni che verranno. Tuttavia, come in tutti i compleanni, ci sono tappe di questo cammino che vanno ricordate.
1980.
L’8 aprile nasce l’UGI a Torino per iniziativa di un gruppo di genitori di bambini malati di tumore in terapia presso l’ospedale infantile Regina Margherita nel Reparto di Oncologia Pediatrica diretto dal professor Enrico Madon. Inizialmente l’attività dell’Associazione è rivolta all’assistenza in ospedale per l’intrattenimento ludico e didattico dei bambini e il supporto morale e pratico delle famiglie. E questo è rimasto un punto cardine, ancora oggi è la principale attività dei volontari.
1983.
Nasce il Comitato Assistenza tramite il quale vengono erogati contributi alle famiglie ed aiuti per gli alloggi dei fuori sede.
1993.
UGI promuove l’istituzione della Scuola Media di primo grado statale in ospedale.
1999.
UGI acquista la Risonanza Magnetica Nucleare per l’Ospedale Infantile Regina Margherita.
2000.
Al via il Progetto Scuola Superiore Ospedaliera in collaborazione con la direzione regionale del MIUR e tre Istituti Superiori (il Liceo Regina Margherita e l’Istituto Tecnico Arduino di Torino, l’Istituto Tecnico Marro di Moncalieri).
2003.
Nascono le sezioni UGI di Novara, Vercelli e, in seguito, Ivrea.
2006.
Inaugurazione di Casa Ugi, presso la ex stazione della monorotaia di Italia ’61.
2007.
Accordo con l’università di Torino, facoltà di Scienze della Formazione Primaria, per il tirocinio degli studenti presso Casa UGI.
2010.
Sono i 30 anni di UGI. Presentazione del Progetto Ponte per il reinserimento sociale, scolastico e lavorativo dei bambini e degli adolescenti guariti da tumore pediatrico.
2016.
Nasce il progetto per la nuova struttura UGIDUE dedicata ad attività a favore della riabilitazione e inclusione sociale dei bambini e ragazzi in terapia e guariti, a sostegno delle famiglie, per la formazione e l’aggiornamento dei volontari. Inaugurazione dell’impianto fotovoltaico per Casa UGI.
2019.
Inaugurazione della modernissima struttura di UGIDUE in corso Dante a Torino.
Naturalmente, e per ragioni di spazio, sono soltanto alcune delle date significative di questa quarantennale stagione di lavoro e d’impegno di UGI. L’emergenza Covid-19 oggi ha rivoluzionato impegni e progetti. UGI ha attinto, nei mesi del lockdown, a tutte le sue risorse umane e e di lavoro per mantenere i più alti standard di sicurezza possibili. Ora siamo nella fase di ripresa. Una tappa alla volta per non mettere a rischio famiglie, dipendenti e volontari. E allo stesso tempo dare corpo a nuovi progetti che consentano a UGI di crescere e di svilupparsi, anche con le misure di sicurezza previste dai decreti governativi. Saranno altri mesi di notevole impegno. Forse quarant’anni fa nessuno dei fondatori avrebbe potuto immaginare come sarebbe stato drammatico questo compleanno.
Ma UGI oggi pensa, com’è nel suo spirito, a costruire i prossimi 40 anni. Per ora l’appuntamento è al 2030, per festeggiare 50 anni di attività e di storia.

Giorgio Levi
Direttore de "Il Giornale dell'UGI"

Copyright 2020 - Ugi Torino C.F. 03689330011 - Privacy policy

Abc Interactive